BRUNO CIAPPONI LANDI
Ricerca nel sito:
 
PUBBLICAZIONI E PRESENTAZIONI

Anno 2018  2017  2016  2015  2014  2013  2012  2011  2010  2009  2008  2007  2006  2005  2004  2003  2002  2001  2000  1999  1998  1997  1996 1995  1994  1993  1992  1991  1990  1989  1988  1987  1986  1984  1983  1982  1981  1980  1979  1977  1976  1975  1971  1968 


1996 - Presentazioni
 
Luisa Moraschinelli, Uita d'Abriga cüntada an dal so dialet (agn'40), Ciapponi Landi Bruno, , Sondrio 1996, p. 133 (7)
 
Leggi tutto

Cici Bonazzi, Dizionario Tiranese-Italiano con repertorio Italiano-tiranese, Ciapponi Landi Bruno, , Canberra (Australia) 1996, p. VI-LV, 1975
 
Leggi tutto

Cominetti Ennio, Melodie natalizie, Cd, Ciapponi Landi Bruno, Casa musicale eco, 1996, p.
 
----------
 
Titolo completo: Organo Serassi 1852 opus 609 della Chiesa di S. Martino in Tirano. Melodie Natalizie. Organista Ennio Cominetti
 
Testo della presentazione di Bruno Ciapponi Landi "C'è chi ama la Valtellina per i suoi vini rudi e insieme romantici: Grumello, Inferno, Sassella, Fracia e via assaporando; chi per i suoi palazzi gentilizi dai soffittoni a stucco e dai cortili affrescati, chi per i suoi monti aperti e cordiali, le beole che oscillano sui tetti, le porte di stalla massicce e tarlate e i candelieri di ferro a spirale che ci ha immortalato Angelo Vaninetti; chi infine più gastronomicamente per i suoi "pizzocheri" e "sciatt". Io amo la Valtellina soprattutto per i suoi organi. Ne conosco molti; certo non tutti, visto che ne conta più di cento." Così inizia un gustoso articolo dello scrittore Luigi Santucci pubblicato nel 1985 sulla rivista di una banca locale. Ma quando si pensa agli organi delle chiese valtellinesi, prima che alla musica, la mente va alle artistiche casse lavorate con intagli maestosi e raffinati che hanno il loro trionfo nel monumentale organo secentesco della Basilica della Madonna di Tirano, patrona della Valtellina, o a quelli, elegantissimi, delle dinamiche scene e delle grandi volute settecentesche dell'organo del Santuario della B.V. di Grosotto. Raramente il pensiero va allo strumento, alle sue qualità e capacità foniche, al ruolo rivestito nella formazione e diffusione della cultura musicale presso la gente. Non si pensa che le chiese, distribuite capillarmente nel vasto e articolato territorio montano della nostra provincia, sono state per secoli, per il popolo, praticamente gli unici luoghi pubblici erogatori di cultura e riferimento di identificazione popolare collettiva. E in questo quadro gli organi hanno svolto i ruoli di orchestra, di radio, di grammofono, di juke-box… Dimenticati e fuori moda per anni sono tornati ora a interessare gruppi sempre più ampi di cultori e di appassionati pronti certo ad apprezzare anche la bellezza delle casse, ma soprattutto la musica organistica, le potenzialità e i pregi musicali degli strumenti e le iniziative come questa edizione discografica. Ciò spiega perché, per l'esecuzione di questo concerto di melodie natalizie, il maestro Ennio Cominetti non abbia scelto l'organo della Basilica ma quello della parrocchiale di San Martino, con la sua cassa sobria, quasi severa, progettata dall'ing. Ulisse Salis nel 1850 per contenere uno strumento straordinario, da alcuni considerato addirittura un capolavoro della bottega dei Serassi, restituito alla sua originale integrità con il restauro del 1968. Tirano, 3 ottobre 1996 Bruno Ciapponi Landi Direttore del Museo Etnografico Tiranese



Anno  2018  2017  2016  2015  2014  2013  2012  2011  2010  2009  2008  2007  2006  2005  2004  2003  2002  2001  2000  1999  1998  1997  1996 1995  1994  1993  1992  1991  1990  1989  1988  1987  1986  1984  1983  1982  1981  1980  1979  1977  1976  1975  1971  1968 
  Biografia | Attività | Pubblicazioni e presentazioni | Blog | Associazioni ed enti | Persone e cose | Link | Contatti
Privacy policy | Cookies policy
 
  BRUNO CIAPPONI LANDI  
Smartware